Stagione 2021/2022 - campionato serie B

U15 – Di nuovo a testa alta nel fortino di Rubano

ANTENORE ENERGIA PADOVA – Team 78 Martellago: 90-54
ANTENORE PADOVA: Bedin 12, Bilous, 4, Diedolo 4, Filippi, Lorigiola 5, Matiello n.e., Pirrone 15, Sandri 13, Squizzato, Torcelli 7, Zagatti 7, Zanetti 23.
TL: 9/16, T2: 30/56, T3: 7/17
Assist: 14 (Zanetti 7), Rimbalzi: 33+11 (Zanetti 8+2), Palle rubate: 19 (Lorigiola 10)

Dopo la prestazione sottotono nel derby di sabato scorso gli Under 15 eccellenza erano chiamati ad una prova di orgoglio contro Martellago ospite tra le mura amiche di Rubano nella gara valevole per la quinta giornata del girone ovest.

I ragazzi entrano in campo con il piglio giusto e mettono in mostra la tanto desiderata aggressività difensiva richiesta durante tutta la settimana dai coach Pittarello-Gasparri. Martellago segna il primo canestro della partita per quello che sarà l’unico vantaggio bianco-rosso. Bedin e Zanetti trovano la via del canestro nel pitturato e la buona difesa porta gli  avversari a sbagliare molte conclusioni: malgrado i tanti (troppi) rimbalzi offensivi concessi, il primo quarto si chiude sul confortante punteggio di 28-13.
Il secondo quarto inizia con un Lorigiola indemoniato in difesa che recupera palloni in tutte le zone del campo (saranno 10 a fine partita) facendo impazzire gli avversari e K che non riesce a stargli dietro nel foglio statistiche. La buona difesa, come spesso accade, è il preludio a contropiedi: la palla viaggia veloce lungo i 28 metri del campo  permettendo a Bilous e Sandri di realizzare comodi e indisturbati punti.  Ciliegina sulla torta il buzzer beater di Torcelli che infila la tripla del 51-28 con cui si torna negli spogliatoi.
Al rientro in campo un po’ di confusione  costa cinque palle perse nei primi cinque possessi. Martellago non riesce però a piazzare un break che possa rimettere in discussione la partita e dopo tre minuti di  confusione la palla inizia nuovamente a  circolare  permettendo tiri aperti dall’arco dei 6.75,  con Zanetti prima e Pirrone poi,  implacabili  dalla lunga distanza.
L’ultimo quarto vede la Virtus gestire l’ormai ampio margine di vantaggio: Zagatti infila una tripla, Diedolo segna in penetrazione e Filippi fa la voce grossa a rimbalzo. La partita scorre così senza ulteriori sussulti fino al 90 a 54 finale.
Finalmente una vittoria convincente con un risultato mai in discussione. I giovani neroverdi ora sono chiamati affrontare con rinnovata fiducia la settimana che porterà ad affrontare l’imbattuta capolista Trento nella trasferta forse più ostica della stagione.