Stagione 2023/2024 - Campionato serie B Nazionale

Torneo della solidarietà: gli Irriducibili contro la violenza di genere!

Monticello Conte Otto, 20.01.2024 –  Cercando di dimenticare in fretta il fatto che la sera precedente a Dese contro i Jurassic si è persa la terza partita di campionato di fila, gli Irriducibili, grazie al Torneo organizzato dalla nazionale italiana Over Sport Italia 65/70/75 si presentano al Palasport di Monticello numerosi, compatti e sorridenti per passare un sabato diverso.

Alla presenza del Sindaco Damiano Ceron, che ha ricordato l’importanza di schierarsi contro ogni genere di violenza di genere e di mantenere sempre alta l’attenzione su questi temi, davanti ad un bel pubblico appassionato di parenti e amici con in mostra le coccarde rosse a manifestare solidarietà verso le vittime di queste assurde aggressioni, i nostri amici dell’Over Sport di cui fa parte per il nostro orgoglio l’Irriducibile Daniele Simionato hanno organizzato un torneo triangolare comunque all’insegna della festa, della celebrazione del basket come elemento unificante, gioioso, appassionato, che deve opporsi alla logica di chi vorrebbe utilizzare gli eventi sportivi come palco da cui sfogare attraverso minacce e volgarità le proprie frustrazioni. Quest’ultimo riferimento è legato in particolare alla nostra MaVi, la cui vicenda accaduta mentre arbitrava una partita di under 17 a Camin, con la terribile ingiuria di uno scriteriato tifoso che coinvolgeva la povera Giulia Cecchettin, è stata la motivazione che ha fatto nascere questa iniziativa da noi  particolarmente sentita in quanto di Giuliano, il suo papà siamo compagni di squadra ed amici, e di MaVi tutti zii adottivi.

La giornata è stata perfettamente organizzata da Over Sport Italia, con tanto di intermezzi musicali con una bravissima cantante, le giovanissime cheerleaders, la presenza di amici come il presidente provinciale FIP di Padova Flavio Camporese, ed altri motivi di lietitudine, ma il nostro articolo riguarda comunque un torneo di basket e quindi sotto con la cronaca.

Come dicevo gli Irriducibili si presentano in molti, alcuni reduci dalla pessima sconfitta della sera prima, pronti in campo alle 9.30 dopo una colazione abbondante e portandosi dietro un panettone (?) per ovviare ai cali glicemici dell’intenso sforzo che ci attende contro i nostri giovani e intensi avversari. Spiccano in campo durante le fasi di riscaldamento pre-partita fra le sopramaglie grigio-nere degli Irriducibili l’affascinante Presidente Luca Moreale con maglioncino rosso solidale d’ordinanza, coach Ghinato, per l’occasione allenatore/giocatore, anche lui con maglietta rossa che… ha visto tempi migliori, e soprattutto rivediamo il nostro Vito che, bisogna ammetterlo, sul campo da basket è sempre una gioia per gli occhi.

Il triangolare di partite da 20 minuti ciascuna si svolge tra Irriducibili e due compagini miste dei componenti della Nazionale Over Sport, che chiameremo i blu e i bianchi. Essendo la giornata dedicata a lei, MaVi avrebbe dovuto arbitrarci, ma curiosamente nessuno degli organizzatori si è reso conto che una liceale il sabato mattina… è a scuola (peraltro con doppia interrogazione). Per cui si decide di chiamare ad arbitrare 4 ragazzini delle medie (che fanno la settimana corta) e il problema è risolto. Infortuni recenti (purtroppo) tolgono a Daniele il dubbio su con che squadra giocare, e nell’incertezza si divide fra le panchine di qua e di là tifando tutti e nessuno. Prima del fischio d’avvio Coach Ghinato chiama tutti a raccolta, e nella lieta e festosa atmosfera ricorda che “non esistono partite amichevoli”. Bene.

PRIMO MATCH

Iniziamo la prima partita contro i blu. Molte vecchie glorie fanno parte della Nazionale di coach Ugo Schiavo, alcune vecchie conoscenze padovane, altri che arrivano da tutto il nord Italia ed alcuni, come il mitico n. 38 Lorenzetti (classe 1938) assumono i contorni della leggenda. A noi viene chiesto di limitare contatti fisici e evitare il contropiede, ma evidentemente lo hanno detto solo a noi.

Schieriamo per primi i più giovani fra noi, per fare sentire a proprio agio gli Over. Segnamo subito con Abbi da sotto, sembriamo apprezzare il ritmo dei nostri avversari, ma ben presto ci rendiamo conto che dietro i dolci sorrisi e gli ammiccamenti da feste natalizie con il nonno, questi non hanno nessuna voglia di scherzare. Rispondono colpo su colpo e, comunque gente di talento, le mettono dentro senza problemi. Così prima partiamo appaiati, poi mettono il naso avanti, e poi ci staccano senza problemi. Coach Ghinato è lietamente furente, e inizia una girandola di cambi punitivi ad ogni errore che coinvolgono pure il fidato Vice Power (giocante per l’occasione) e, onestamente, lui stesso. Nella baraonda della prima partita spiccano nonno Gil, lanciatissimo davanti al nipotino, Capitan Pag, che mette due triple a dimostrazione che quando sorride gli entrano tutte, BigMaxFranz piroettante e energetico e il nostro stesso Coach che tira una tabellata che fa saltare i bulloni al canestro, ma sono 2 bellissimi punti. Alla fine deI secondi dieci minuti siamo sotto di 4 punti, la squadra con Zorro in particolare è pronta e decisa a rimontare nel secondo tempo. Nessuno aveva capito che la partita era finita.

SECONDO MATCH

Imparata la formula del torneo decidiamo che dobbiamo iniziare a macinare gioco da subito, per non arrivare terzi e rischiare la cessione di tutti ad una squadra del Borneo da parte del Presidente. La seconda partita ci vede contro i bianchi, avversari più veloci (infatti partono sempre in contropiede: noi non possiamo) e che randellano come fabbri sapienti. A farne le spese soprattutto Monta, che entra in campo sorridente e baldanzoso per essere tolto qualche minuto più tardi al limite della rissa e pieno di lividi. Una passeggiata.  Però Fede la mette dentro, Lupin anche, BigFranz sembra alla finale di Eurolega e i lunghi Abbi e Teddy fanno il loro. Riusciamo a fare girare tutti come è giusto che sia in una occasione simile, fra i non citati prima Pippo, Tommy, Nick, Caf e Luca, giocano e le prendono di santa ragione come gli altri. Pava, a dieta, sembra un po’ spento…

Stavolta comunque riusciamo a portarci abbastanza avanti da non lasciarci raggiungere prima della fine, e la seconda partita è nostra!

Poco altro da dire, la terza partita vede l’uno contro l’altro blu e bianchi con la vittoria di questi ultimi che si portano a casa il trofeo. Noi arriviamo secondi, pressiamo per finire la cerimonia in fretta e correre (si fa per dire) al ristorante. Qui, assieme ai nostri avversari e ad Irriducibili non giocanti aggregati, Coach Grandis, Prof Visentin e gli infortunati Kravina e Gio Carli, diamo sempre il nostro meglio, con il clou all’arrivo della nostra meravigliosa nipotina MaVi e del suo bel papà Giuliano, il Paul Newman degli irriducibili.

Finisce qui la cronaca di una bellissima giornata di sport e amicizia, adesso si ricomincia con la fase di  ritorno del campionato, giovedì 25 alle 21.00 alla Davila contro Team 78. Urge ripartire alla grande.