«Nella rincorsa della Broetto punto fermo battere Crema» 

(Il Gazzettino)
Il capitano Crosato parla delle due prossime tappe fondamentali.
Fermo nel fine settimana il campionato di serie B, per lasciare spazio alla Coppa Italia Lnp, la Broetto Virtus si prepara a due gare interne ravvicinate. O meglio, per la formazione di Massimo Friso due sfide fondamentali soprattutto in ottica play off: sabato sera con Crema e la domenica seguente con Lecco (entrambe alla Kioene Arena). Ovvero la formazione che, rispettivamente, appaia capitan Crosato e compagni al settimo posto e quella che li precedono di quattro lunghezze. Entrambe, tra l’altro, vittoriose nelle gare di andata.
«Dopo Bergamo, che ormai è archiviato, l’attenzione si è subito spostata su Crema per una partita che per noi vale tanto quanto una finale – ammette al riguardo il capitano virtussino Enrico Crosato – È una sfida da vincere a tutti i costi, in ottica play off. La settimana scorsa è stata affrontata cercando di recuperare gli acciaccati e, allo stesso tempo, caricando con chi aveva necessità di ritrovare la forma migliore. Tutto questo, appunto, per poter affrontare il rush finale: che, Pasqua a parte, sarà tutto in volata e per il quale noi dovremo farci trovare pronti».
Le gare interne consecutive, in questo scorcio cruciale della stagione, sono addirittura due. Ma l’attenzione dei neroverdi è tutta sulla prima. «Crema rappresenta uno scontro importante, anche nell’ottica di recuperare la differenza-canestri dell’andata (il -10 del 74-64, ndr). Poi penseremo a Lecco, altrettanto fondamentale. Step by step, con la serenità e la giusta determinazione che contraddistingue l’ambiente della Virtus».
Ambiente che, da sempre, si contraddistingue anche per la solidarietà e l’attenzione al sociale. La settimana scorsa Crosato capitanava un gruppo di giocatori che si è recato all’ospedale dei Colli per effettuare la donazione di midollo osseo e sensibilizzare così altre persone alla cosiddetta tipizzazione (ne riferiamo a parte).
Mercoledì sera, invece, la squadra della Broetto Virtus sarà protagonista sul parquet del Grande Basket per Telethon: alle ore 20.45 al palasport di Schiavonia, l’amichevole con la Fortitudo Bologna di A2 finalista l’anno scorso. Anche in questo caso, tenendo d’occhio la solidarietà: l’intero incasso, infatti, sarà devoluto alla Fondazione Telethon che si occupa di ricerca sulla distrofia muscolare e altre malattie genetiche rare.
«Andiamo per gradi – riprende Crosato – Discorso Admo: è stato sicuramente un momento molto bello e toccante, a maggior ragione se lo fai per aiutare gli altri. Non dimentichiamoci, infatti, che la nostra attività ha anche una valenza sociale: per cui è bellissimo essere parte attiva e poter dare l’esempio in un programma cosi importante. Riguardo la partita con la Fortitudo, invece, credo ci sia poco da dire: il confronto con una realtà di questa caratura non può che stimolarci e, a maggior ragione, permetterci di alzare il livello proprio in vista del proseguo del campionato. Onoreremo al massimo la sfida, oltre al fatto che anche in questo caso la faremo per una ottima causa».
<br/>
<hr/>
<br/>
Neroverdi nella lista dei donatori ADMO per una grande “missione” di solidarietà
La Virtus a canestro per l’Admo. Cinque giocatori neroverdi (nella foto Enrico Crosato, Marco Lazzaro, Stevan Stojkov, Federico Schiavon e il giovane Emanuele Deserti) si sono recati nei giorni scorsi all’aspedale dei Colli per effettuare il primo prelievo ed essere inseriti così nel registro dei donatori di midollo osseo. L’iniziativa di tipizzazione, nella quale i virtussini hanno voluto coinvolgere altri amici, è stata coordinata dalla dottoressa Milena Luca quale medico referente e da Paola Baiguera, presidente Admo di Padova.
<br/>
Giovanni Pellecchia
alt
6 marzo 2017