Stagione 19/20 campionato serie B

Broetto, adesso si deve solo vincere

Broetto Virtus Padova – Bakery Piacenza 67-85
Piacenza è più forte della Broetto che adesso per i play-off deve battere Milano e Desio e sperare in due sconfitte di Reggio.

Broetto Virtus Padova:  Stojkov 8 (0/0, 2/3, 2/2),  Canelo 16 (5/10, 2/3, 0/2),  Nobile 14 (7/9, 0/1, 0/0), Crosato 12 (4/8, 1/2, 1/1), Salvato 6 (0/1, 2/6, 0/0), Ferrara 5 (1/3, 1/3, 0/0), Schiavon 3 (0/1, 1/5, 0/0), Lazzaro 3 (1/2, 0/1, 1/4), Pavan 0 (0/1, 0/1, 0/0), Cusinato n.e. All. Friso. Ass. Primon e Pomes.

Tiri da 2: 18/35 (51%) – Tiri da 3: 9/25 (36%) – Tiri liberi: 4/9 (44%) – Rimbalzi: 27 8+19 (Nobile e Crosato 7) – Assist: 15 (Canelo 6)

Bakery Piacenza:  Leonzio 16 (4/5, 2/2, 2/3), Bruni 15 (4/6, 1/1, 4/4), Banti 14 (7/8, 0/2, 0/0), Sanguinetti 12 (1/6, 3/5, 1/1), Samoggia 9 (2/3, 1/3, 2/2), Tempestini 8 (1/1, 1/1, 3/3), Rezzano 6 (0/8, 1/5, 3/4),  Magrini 5 (1/2, 1/1, 0/0), Soragna (0/1, 0/0, 0/0),  Guerra (0/0, 0/0). All. Steffé. Ass. Casella.

Tiri da 2: 20/40 (50%) – Tiri da 3: 10/20 (50%) – Tiri liberi: 15/18 (83%)  – Rimbalzi: 34 8+26 (Leonzio 8) – Assist: 17 (Sanguinetti 6)

Parziali: 18-26, 21-16 (39-42), 12-24 (51-66), 16-19 (67-85)

Statisitche

Note: l’inno nazionale è stato cantato dal vivo da Sofia Busolo che ha ricevuto una standing ovation dal pubblico presente e un mazzo di fiori offerto dalla fioreria FiorFiore di Mestrino.

39-Sofia
La cantante Sofia Busolo con Paola Marini

Nell’intervallo tanti applausi anche per il balletto in costume dei MakeitFunky e per i bambini del minibasket che hanno partecipato al concorso “A Pasqua fai canestro con il tuo ovetto colorato”.

39-Make_01
I MakeitFunky nel balletto realizzato in costume da carnevale veneziano

Non è sulla partita di questa sera che la Broetto deve recriminare, ben altre sono infatti le sconfitte che i neroverdi avrebbero dovuto evitare. Piacenza è una signora squadra, costruita pescando dall’alto e rinforzata in corsa cambiando Marzaioli con Tempestini e in gennaio pescando Bruni dal girone A. Annunciati in gran forma i piacentini arrivano a Padova rinvigoriti dal pesante successo interno di domenica scorsa su Cento (85-71), la loro unica concorrente per il terzo posto, superata anche per la differenza canestri.

Anche la Broetto domenica ha conseguito un successo fondamentale, quello su Alto Sebino che è valso la salvezza matematica, ma quest’anno l’obiettivo sono i play-off e quindi, nonostante già all’andata Piacenza si sia dimostrata “tanta roba”, per i virtussini i due punti sono importantissimi, e se è vero che specie in questa fase della stagione le motivazioni valgono più della logica, allora nella vittoria ci sperano in tanti.

La Bakery scatta subito e dopo meno di 4′ è già avanti di 8 (5-13) con i piccoli Sanguinetti, Leonzio e Magrini a fare l’andatura. La Broetto fatica a contenere gli avversari ma reagisce e spinta da Nobile in un paio di minuti si porta sulla scia (12-15), è ancora Piacenza a fare la voce grossa nei minuti finali che sanciscono il +8 (18-26) con cui si chiude il primo quarto.

Dopo 3’28” del secondo quarto gli ospiti raggiungono la doppia cifra di margine (23-33)  ma la Broetto non ci sta ed è questo il momento più bello dei virtussini che riescono a trovare il canestro con facilità, specie dalla lunga distanza. Inizia Salvato (26-33), poi Canelo (29-35), infine Stojkov (34-40) quando mancano 2’30” all’intervallo. Il finaler di tempo è tutto dei neroverdi che rientrano negli spogliatoi sotto di 3 (39-42) e con l’inerzia della partita tutta dalla loro parte.

L’inizio del terzo quarto è tutto neroverde con Canelo a condurre la rimonta che viene finalizzata in poco più di 1′ (44 pari) e con il match che resta in bilico per altri 2′, poi Piacenza stringe le maglie in difesa, consegna a Bruni la bacchetta del comando e approfittando di qualche erorre di troppo commesso dalla Broetto, ritorna sulla doppia cifra di vantaggio in poco più di 3′ con un parziale di 2 a 12 (46-56) che prosegue con il risveglio di Banti fino al 2 a 20 (46-64) quando mancano 1’14” alla chiusura del terzo quarto.

L’ultimo quarto è accademia, Piacenza ha il pieno controllo e la Broetto non riesce a girare le carte nonostante i tentativi di cambio dello schieramento difensivo che però non portano alcun risultato di fronte alla precisione della squadra di Steffé che finisce l’incontro con un eloquente media del 50% sia nei tiri da 2 che in quelli da 3 (20/40 e 10/20).

Sabato prima di Pasqua la Broetto farà visita all’Urania Milano, reduce dalla sanguinosa sconfitta interna inflittagli da Desio. Infine il sabato successivo (22 aprile) alle 20.30 i virtussini concluderanno la stagione regolare 2016/2017 affrontando Desio nella tana di via Rovigo. Se centreranno due vittorie e nel frattempo Reggio Emilia verrà sconfitta da Orzinuovi e Cento, entreranno nella griglia play-off che li opporrà al Moncalieri capolista del girone A, altrimenti sarà già tempo di programmare la prossima annata.