Stagione 19/20 campionato serie B

Virtus vincente grazie ai giovani

(Il Gazzettino)
Lorenzo De Zardo si sta ritagliando spazio con ottime prestazioni.

La Virtus si rimira e gode i suoi giovani. Nel ritorno alla vittoria di domenica a Rubano contro Lugo che ne ha rilanciato le ambizioni (e la classifica) in chiave play off, infatti, la squadra di Daniele Rubini ne schierava uno stuolo. Complici le perduranti assenze di Canelo e Lazzaro, cui all’ultimo si è aggiunta anche quella di Nobile (influenzato), i neroverdi potevano contare solo su tre giocatori di esperienza: il capitano Crosato, la bandiera Schiavon e Piazza, ovvero il migliore in campo (30 punti e 32 di valutazione). Più, come detto, tutti gli altri under: il 97 Calzavara; il 98 Maresca; i 99 De Zardo e Visentin (quest’ultimo, a sorpresa, partito in quintetto); il 2000 Miaschi; infine Tognon (99) e Pellicano (2002), che però non hanno messo piede sul parquet.

«Se lo aveste chiesto a noi, ha commentato il direttore generale Nicola Bernardi, non avremmo mai pensato che in un campionato di serie B duro come questo, nel famigerato girone B, con un regolamento che permette 7 senior, la Virtus potesse vincere una partita decisiva con tre uomini del quintetto in infermeria e un roster con queste età. Onore allo staff tecnico: siamo orgogliosi di quello che questi ragazzi stanno facendo».

LE SORPRESE
Tra questi in particolare Lorenzo De Zardo, uno dei due nuovi arrivati (insieme a Maresca) nella finestra di mercato invernale, nell’ultimo turno è risultato il miglior under dell’intero girone per rendimento: 14 punti (con 7/10 da due e 0/1 da tre) più 9 rimbalzi, 2 stoppate, 1 assist e 1 recupero nei 33′ in campo, 26 di valutazione.
Intanto, la società neroverde ha convocato per questa sera alla Kioene Arena (ore 19.30) tutte le famiglie del settore giovanile. Ai ragazzi che sono stati sottoposti al Progetto-pilota Virtus-Invictus saranno consegnate le acquisizioni: ovvero i risultati di un’analisi posturale non invasiva, ma altamente tecnologica e senza controindicazioni, che ha permesso di avere informazioni sulla postura e sulla biomeccanica del loro salto.

Giovanni Pellecchia
alt
14 febbraio 2018