Virtus disinvolta e molto precisa non cede il passo

(Il Gazzettino, 12 gennaio)
Due su due per l’Antenore Energia Virtus in questo scorcio iniziale di 2020. La formazione di Daniele Rubini, dopo la sofferta vittoria di domenica scorsa a Crema, ieri si è ripetuta in modo autorevole anche a Varese (73-53 il risultato finale). La Virtus, approfittando di una Robur et Fides forse spaesata dopo il cambio di guida tecnica avvenuto in settimana, metteva subito le cose in chiaro con una gran partenza: 18-8 grazie a tre triple (due di Piazza ed una di Dagnello). I padroni di casa però, uscendo dal time out, assestavano un parziale di 8-0 in chiusura di primo quarto. Con un’ottima seconda frazione, invece, i neroverdi dopo aver toccato il +13 (sul 36-23, canestro di Calò), andavano all’intervallo avanti di dieci lunghezze: nelle loro fila, ottime le prestazioni di Piazza e Morgillo, entrambi in doppia cifra già all’intervallo (12 e 18 alla fine), ma convincente pure l’apporto del giovane Pellicano (suo il canestro in chiusura primo tempo). Nella ripresa, la musica non cambiava. L’Antenore Energia, ben orchestrata in cabina di regia da De Nicolao (doppia doppia per assist e rimbalzi, 10+10), toccava il +15 con tre tiri liberi in fila di Bianconi (49-34). E con la formazione lombarde incapace di una vera e propria reazione, il massimo vantaggio veniva poi ritoccato ancora al 34′ sul 63-47 (tripla di Pellicano, 12 punti) e appunto nel finale.

Giovanni Pellecchia