Under 14 Elite superata anche Vigodarzere

Penultima gara del girone per l’U14 di coach Franceschini impegnata nel campionato U14 Elite.

Antenore Padova – Pal. Vigodarzere 85-37

Parziali: 23-7, 45-18, 59-29, 85-37

Virtus Padova: Guevarra 16, Marchet 3, Mozzo 18, Rampazzo 2, Capovilla 13, Parpajola 1, Destro 6, Trentin 7, Gioso 11, Favero, Artizzu 7 – All. Franceschini – Ass. Valentini e Todisco – DA Kravina

TL 8/17 t2 34/60 t3 3/14

Vigodarzere: Dalla libera, Zaramella, Franceschini 2, Cartorato 2, Mariotti 4, Chiapperini 5, Vettore 4, Greggio 2, Chiapelli 16, Mocanu, Mechini, Bortot. – All. Giacomini A

Tl 8/24 t2 13/37 t3 1/7

Tra le mura del PalaRubano ospite è la pallacanestro Vigodarzere.

Buono l’avvio per i NeroVerdi che con la giusta attenzione approcciano la gara, capitan Guevarra&co giocano una buona pallacanestro, cercando di far valere chili e centimetri sotto le plance e obbligando la difesa ospite a chiudersi dentro l’area, ma aprendosi a ribaltamenti veloci, tiri dal perimetro e trovandosi sempre in ritardo rispetto alla rapida circolazione di palla Virtussina.

Il primo break è firmato Mozzo-Gioso. Il primo mette in grossa difficoltà gli avversari giocando vicino al canestro e facendosi trovare anche pronto con due conclusioni dal mid-range. Il secondo, sfruttando anche gli assist del primo, più volte attacca il recupero della difesa per arrivare ad appoggi facili e confeziona anche due bombe dai 6,75. 23 a 7 segna il tabellone del PalaRubano alla prima sirena

Notevole anche la prova di Chapelli tra le fila di Vigo. Per tutta la partita si dimostra costantemente un pericolo per la difesa NeroVerde. Al termine della partita sarà il giocatore con più falli subiti e relativi giri in lunetta.

Secondo quarto che prosegue sugli stessi binari. Gioco fluido della Virtus che permette di continuare ad allargare il divario tra le due squadre. 45 a 18 a metà partita.

Al rientro in campo coach Giacomini cerca di dare una svolta al match proponendo una difesa, marchio di fabbrica di Vigo, a zona 1-3-1. Bravissimi qui i NeroVerdi che dopo qualche dubbio iniziale, non si sono lasciati sorprendere e mai sono caduti nella trappola del raddoppio, riuscendo a mettere ancora in difficoltà la difesa con una buona circolazione, ribaltamenti e gioco 1c1 senza la palla.

Ultimo quarto che vede il gap tra le due squadre ampliarsi ancora di più fino ad arrivare all’ 85 – 37 finale.

Buona prova complessiva dei NeroVerdi che dimostrano l’ottimo stato di forma già mostrato contro Marostica; ora si attende l’ultima del girone prima della seconda fase che assegnerà il titolo regionale di categoria.

#tifiAMOpadova

#LungaVita