Stagione 19/20 campionato serie B

Nobile carica la Broetto Virtus: «Possiamo essere la sorpresa»

Presentati ufficialmente i due nuovi pivot della squadra neroverde

Claudio Nobile e Marco Cusinato alla scoperta della Broetto Virtus… e di Padova. Si è concluso con la cena sul plateatico di piazza dei Signori e una passeggiata per le vie del centro storico cittadino il “primo giorno” padovano dei due rinforzi estivi. In precedenza, entrambi erano stati presentati ufficialmente alla stampa nella sede di via Tadi, con la dirigenza societaria al completo: il presidente Gianfranco Bernardi e il vice Eugenio Papa, i dirigenti della prima squadra – artefice del mercato – Roberto Rugo e del settore giovanile Massimo Caiolo, il segretario Mario Ruggiero.
Presente anche il coach Massimo Friso, che siederà per la quinta stagione consecutiva sulla panchina neroverde, e il suo assistente Adriano Primon.
Proprio il tecnico ha introdotto i due volti nuovi, entrambi pivot. «Ma questo è casuale – ha specificato – perchè si tratta di situazioni diverse. Nobile, infatti, è il giocatore che cercavamo: un rinforzo nel ruolo, dopo averlo apprezzato l’anno scorso da avversario. Sa creare punti per sè, con il suo gioco 1 contro 1, ma anche per i compagni di squadra: il classico playmaker aggiunto. Cusinato, invece, rappresenta uno dei colpi di fortuna che capitano ogni tanto, attraverso segnalazioni. Da subito è andato ben oltre le aspettative: oltre all’altezza, ci ha colpito per la sua voglia di fare; l’accordo con lui è di durata biennale (come Nobile, ma nel suo caso con opzione per il terzo anno, ndr). In questa prima stagione, se saprà adattarsi dal punto di vista fisico e del ritmo alla nuova realtà, conto possa rappresentare un buon cambio e un baluardo difensivo».
La parola è quindi passata ai diretti interessati. Decisamente più a suo agio l’esperto Nobile, abbronzato e sorridente: «Sinceramente non conoscevo Padova prima dell’anno scorso, ma vista anche la rivalità con Vicenza (dove giocava, ndr) ho imparato ad apprezzarla nel corso della stagione: mi ha fatto un’ottima impressione, come organizzazione societaria e come serenità dei giocatori. Non li conoscevo direttamente, ma con loro ho iniziato a confrontarmi durante l’anno ed in particolare queste ultime settimane: un gruppo migliorato e maturato molto nella seconda parte della scorsa stagione. Personalmente, mi aspetto un campionato ancora più difficile con quattro-cinque “corazzate”: noi speriamo di poter essere la sorpresa».
Assai più timido Cusinato: «Sono cresciuto a Castelfranco, dove ho iniziato il minibasket e ho giocato le ultime due stagioni in C2 dopo un intervallo di altre due a Castello di Godego in Prima Divisione. Alla Virtus, ho trovato da subito grande appoggio e tanta fiducia. Fiducia che, grazie all’esperienza di Claudio con cui sarà importante confrontarsi in allenamento, spero di poter ripagare nei ritagli di spazio che saprò guadagnare».

Giovanni Pellecchia

alt

28 luglio 2016