Stagione 2020/2021 - campionato serie B

Fila, Broetto e Guerriero ok è un avvio che promette bene

Il brillante inizio di campionato di Fila San Martino (A/1 femminile), Broetto Virtus (serie B maschile) e Unione Guerriero Padova (C Gold maschile) si presta a una lettura più ampia delle sole vittorie conseguite sul campo. È il segnale che il basket padovano, nonostante difficoltà economiche di carattere generale, ha ripreso a respirare un’aria più “sana” dopo diversi anni d’asfissia. Anche se è prematuro e irrealistico emettere giudizi dopo una sola giornata, rimane la soddisfazione per un avvio di stagione che sicuramente promette bene.

Ad esempio, le Lupe: prima di battere Umbertide all’esordio, non avevano mai vinto all’Opening Day da quando giocano in A/1.
In ambito maschile la Broetto non ha fallito il debutto: orfani del play italo-serbo Stojkov, i neroverdi hanno espugnato il “covo” dei Pirates Accademia Sestu, facendo esordire il quindicenne Stefano Pavan. «Avendo lavorato da incerottati nel precampionato», commenta il dirigente Roberto Rugo, «non possiamo che essere contenti del risultato. Il nostro obiettivo sono i playoff. Siamo convinti di avere a disposizione una rosa di giocatori interessanti e vogliamo aumentare l’interesse di appassionati e non nei confronti della pallacanestro cittadina».
Ma c’è anche il Guerriero che a Trieste ha fornito un saggio della propria forza. «Abbiamo visto una squadra ben costruita in tutti i reparti», afferma Antonio Vendraminelli, responsabile del progetto Ubp, «riteniamo di avere una squadra competitiva, ma aspettiamo domenica quando scenderemo in campo a Mortise contro Arzignano. Sarà la prova del nove».

Mattia Rossetto

mattino_logo
4 ottobre 2016