Stagione 19/20 campionato serie B

Broetto a vele spiegate imprendibile per i sardi

Pirates staccati di quasi trenta punti, Lazzaro a quota 20.
La Broetto Virtus cala il tris. A cavaliere tra il girone di andata e il ritorno nel campionato di serie B la formazione di Massimo Friso, nell’insolito appuntamento post-prandiale di ieri pomeriggio al palasport di Rubano, ha centrato la sua terza vittoria consecutiva superando agevolmente i Pirates dell’Accademia Sestu ultimi in classifica.

L’incontro, fissato alle ore 15 proprio per favorire la logistica del rientro ai sardi, non ha avuto praticamente mai storia fin dalle prime battute.
Troppo ampio, almeno per quanto visto ieri, il divario tra le due squadre: i padroni di casa, infatti, si sono tolti anche lo sfizio di mandare ben cinque giocatori in doppia cifra, e tra questi un capitan Crosato da doppia doppia (13 punti e 11 rimbalzi) e il solito Lazzaro miglior marcatore con 20 punti (6/6 da due e 5/5 ai liberi) più 9 rimbalzi. Sgomberato il campo dai dubbi riguardo le condizioni di Salvato e Stojkov, dati in forse alla vigilia e poi regolarmente in campo (anche se a quest’ultimo Friso preferiva nello starting five in cabina di regia Ferrara) e concesso un primo, effimero vantaggio agli ospiti (sul 2-0, poi 4-2) che privi di Villani (e con il lungo Varrone con un ginocchio malconcio) sembravano avere nel solo Pilo un giocatore in grado di reggere l’urto (21 punti alla fine per lui), la Broetto prendeva decisamente il comando delle operazioni a metà della prima frazione: dall’8 a 6, un parziale di 8 a 0 propiziato da Canelo, Nobile e una tripla di Schiavon, ma soprattutto una difesa molto intensa che fruttava 4 palle recuperate.
Chiusa la prima frazione sul +8, la Virtus prendeva il largo in quella successiva: una schiacciatona di Nobile suggellava il 38 a 17. La ripresa era così di pura… accademia (e non solo in onore degli ospiti avversari!). La Broetto Virtus, che ruotava tutti i suoi effettivi (tra cui il folletto classe 98 Clark in campo ben 12 minuti), veleggiava sulle ali di un’assoluta tranquillità e dilatava progressivamente il proprio vantaggio: che toccava il massimo scarto sul +31 dell’83 a 52 siglato al 36′ proprio dallo stesso Clark.
Tra l’entusiasmo del pubblico presente, i neroverdi mandavano così in archivio, come detto, la terza vittoria consecutiva e già si proiettano alla prossima trasferta sul campo di Iseo.

Giovanni Pellecchia
alt
16 gennaio 2017