Una grande Virtus ferma la corsa di Lecco

La Virtus gioca la miglior partita dell’anno e riesce nell’impresa di fermare la lanciatissima Lecco. Sempre avanti, fino al +19 (71-52) nel terzo quarto, poi subisce la rimonta degli avversari ma nello sprint finale riesce a non farsi raggiungere.

Virtus Padova – Gimar Lecco   84-82

Virtus Padova: Piazza 9 (2/4, 1/4), Canelo 11 (3/7, 0/2), Schiavon 21 (3/3, 4/5), Crosato 14 (1/7, 3/6), Nobile 7 (3/5, 0/0), Calzavara 2 (1/1, 0/0), Buia 0 (0/0, 0/0), Miaschi 8 (1/3, 2/6), Lazzaro 12 (5/8, 0/2), Tognon e Visentin n.e. – All. Rubini – Ass. Primon e De Nicolao.

Tiri da 2: 19/38 (50%) – Tiri da 3: 10/25 (40%) – Tiri liberi: 16/23 (70%) – Rimbalzi: 38 (12+26 – Crosato 10) – Assist: 25 (Piazza 9)

Gimar Lecco: Maccaferri 12 (2/4, 2/3), Quartieri 13 (2/6, 3/6), Cacace 6 (3/7, 0/1), Spera 4 (1/3, 0/0), Balanzoni 29 (11/15, 1/2), Solazzi 7 (2/4, 1/2), Fabi 8 (2/2, 1/4), Morgillo 3 (1/4, 0/0), Riva 0 (0/0, 0/0), Vitelli 0 (0/0, 0/0), Garota e Calò n.e. – All. Meneguzzo – Ass. Perego.

Tiri da 2: 24/45 (53%) – Tiri da 3: 8/18 (44%) – Tiri liberi: 10/21 (48%) – Rimbalzi: 27 (9+18 – Balanzoni e Morgillo 7) – Assist: 19 (Quartieri 5)

Parziali: 30-24, 23-20 (53-44), 20-19 (73-63), 11-19 (84-82)
Statistiche

La Virtus ha le spalle al muro, la sconfitta con Bernareggio ha avvicinato la zona calda della classifica e la società ha chiesto al team di reagire ad una situazione che può diventare pericolosa. Purtroppo il calendario è crudele e dopo Cento in casa neroverde arriva un altra grande, la Lecco di coach Meneguzzo che sta viaggiando con il vento in poppa. Per riuscire a fermare i lariani serve l’impresa, bisognerà giocare una grande partita.

L’inizio non è di buon auspicio, prima Lecco chiede la verifica della regolarità delle attrezzature del campo da gioco, poi ci si mette anche l’ambulanza che fermata dal traffico di una domenica buona per gli acquisti natalizi, arriva in ritardo costringendo i direttori di gara a posticipare la palla a due e la società a pagare una pesante sanzione.

DSC_2889 (640x421)

Fin dalle prime azioni si capisce che Padova non è la stessa delle ultime quattro gare. I neroverdi difendono con grande fisicità (la battaglia di capitan Crosato contro i lunghi avversari varrà da sola il costo del biglietto) e segnano con percentuali per loro ultimamente inusuali. Dopo il 0 a 4 del primo minuto ci pensano Andrea Piazza e Fede Schiavon con due bombe a portare avanti i padroni di casa 6-4 dopo 2’15”, costringendo da subito Lecco ad una rincorsa che durerà per tutti i restanti 38 minuti. Il parziale di 12 a 0 porta dopo 3’42” il risultato sul 12-4.

Schiavon sembra indemoniato, segna da ogni posizione (chiuderà con il suo high career in serie B: 21 punti ad altissime percentuali 3/3 da 2, 4/5 da 3, 3/5 ai liberi) e tutta la squadra lo supporta, ma Lecco è forte e si affida a Maccaferri, Fabi, Balanzoni e Cacace per ricucire portandosi alla metà del primo periodo ad un solo punto (16-15). E’ il momento del capitano, Crosato sgancia due delle sue “solite” bombe da distanza siderale e Lecco viene ricacciata a -7 (22-15) rimanendo a distanza di sicurezza fino al termine del primo tempo (53-44).

DSC_2963 (640x424)Al rientro dalla pausa lunga, dopo il buon compleanno cantato a Nonna Anna, la supertifosa che oggi ha compiuto 92 anni, la Virtus parte di scatto e in meno di 3′ si porta sul +18 (62-44) giocando un basket stellare. Lecco è arrivata a Padova per sfruttare l’occasione della sconfitta di Cento a Piacenza e portarsi a ridosso delle due capoliste, ovvio che non ci stia a soccombere. Così, aggrappandosi a Balanzoni (29 punti, 11/15 da 2, 1/2 da 3, 4/10 ai liberi, 7 rimbalzi), inizia una rimonta che a 3′ dalla fine (81-77) sembra poter rimettere in discussione l’esito dell’incontro. Di fronte però c’è una squadra che questa sera ha troppa voglia di vincere, coach Rubini ricompatta il suo quintetto e con 2 tiri liberi di Canelola Virtus prende ossigeno, ma a 24″ dalla fine una tripla di Quartieri fa scendere il gelo nel palazzetto (83-82). C’è tempo per un ultimo attacco e il fallo di Lecco arriva a 4″ dalla sirena consentendo a JC di chiudere la partita con un altro libero.

DSC_3127 (640x414)Adesso è necessario mantenere la massima concentrazione, mercoledì si torna a giocare e le energie spese questa sera dai neroverdi sono state veramente molte. Alla Kioene arriva Desio per un infrasettimanale che potrebbe sganciare Padova dalla zona calda della classifica. Desio è allenata da Frates, un grande coach, e  ha giocatori in grado di segnare con estrema facilità. Ci vorrà la stessa grinta di questa sera per non rischiare di sprecare quanto ottenuto con questa grande prestazione. Dare un calcio al secchio del latte raccolto questa sera con tanta fatica sarebbe imbarazzante.