Stagione 19/20 campionato serie B

Broetto la classifica sorride

Broetto Virtus Padova – Su Stentu Sestu  89-60

La Broetto è concentrata e la partita con Sestu dura solo i primi 10 minuti. La contemporanea sconfitta di Crema porta la Virtus al settimo posto.

Broetto Virtus Padova: Stojkov (0/0, 0/2, 0/0), Ferrara 11 (2/3, 2/2, 1/2), Canelo 13 (3/7, 1/3, 4/4), Crosato 13 (1/3, 2/5, 5/10), Nobile 6 (2/8, 0/0, 2/2), Salvato 7 (2/3, 1/1, 0/0), Schiavon 11 (1/1, 3/4, 0/0), Lazzaro 20 (6/6, 1/3, 5/5), Cusinato 2 (1/3, 0/0, 0/0), Clark 6 (2/2, 0/2, 1/2). All. Friso. Ass. Primon e Pomes.

Tiri da 2: 20/36 (56%) – Tiri da 3: 10/22 (45%) – Tiri liberi: 19/25 (76%) – Rimbalzi: 41 (12+29, Nobile 12) – Assist: 20 (Canelo 5).

Su Stentu Sestu: Graviano 7 (2/5, 1/4, 0/0), Elia 6 (1/2, 0/6, 4/6), Pilo 21 (9/13, 1/4, 0/0), Laguzzi 10 (2/6, 1/3, 3/5), Varrone 2 (1/2, 0/0, 0/0), Trionfo 5 (0/4, 1/1, 2/2), Passaretti 4 (1/3, 0/0, 2/2), Cabriolu 3 (1/2, 0/0, 1/6), Melis 2 (1/4, 0/0, 0/1), Floridia 0 (0/3, 0/0, 0/0). All. Sassaro. Ass. Massa e Palmas.

Tiri da 2: 18/44 (41%) – Tiri da 3: 4/18 (22%) – Tiri liberi: 12/22 (55%) – Rimbalzi: 26 11+15 (Laguzzi 6) – Assist: 9 (Trionfo 5).

Parziali: 25-17, 22-8 (47-25), 25-21 (72-46), 17-14 (89-60).

Le statistiche

La partita dura solo i 10’ del primo quarto quando la difesa della Broetto morde poco e Sestu, che parte bene, resta sopra per più di un paio di minuti e una volta superata con una bomba di Schiavon, rimane in scia dei neroverdi grazie ai 13 punti segnati da un Pilo infallibile che consentono agli isolani di chiudere il periodo indietro di 8 (25-17) e con la sensazione di poter competere.

La Broetto che inizia il secondo quarto ha tutta un’altra intensità. I primi punti per Sestu li segna Elia, ma per riuscirci ci vogliono due personali e soprattutto 5 minuti duranti i quali i padroni di casa, trascinati dalla coppia Salvato-Lazzaro, registrano un parziale di 13 a 0 chiuso con una schiacciata di Nobile che dopo 4’46 porta il risultato sul 38 a 17 e chiude di fatto la partita.

Il tempo rimanente è buono per dare spazio a chi di solito ne ha poco, in particolare Clark e Cusinato che non sfigurano, e per alcuni scambi spettacolari che strappano applausi a ripetizione da parte del pubblico che nonostante l’orario di gioco gremisce le tribune del palazzetto di Rubano.

A Marco Lazzaro che gioca 20’ realizzando un punto al minuto, catturando 2+7 rimbalzi e rifilando 2 stoppate, viene assegnato il titolo di MVP dell’incontro, oltre a lui si distinguono Ferrara, che per diversi minuti viene impiegato come play a sostituire degnamente Stojkov e Salvato che in settimana non hanno potuto allenarsi al meglio, Crosato e Nobile che troneggiano a rimbalzo, Schiavon e Canelo che si confermano attaccanti di razza.

Con questa vittoria la Broetto scala la classifica, si porta a quota 18 e grazie alla sconfitta per un punto (66-67) inflitta da Cento ad una Crema ridotta ai minimi termini per gli infortuni di Pasqualin, De Min, Tardito e Del Sorbo, aggancia il settimo posto. Davanti Faenza e Lecco sono vicine a quota 20. Sabato i neroverdi viaggeranno verso Iseo e avranno al seguito il pullman di supporter organizzato dal club di Energia Nero Verde (per info Roberto 335/7170598).