Tutti gli articoli di Redazione

Ko annunciato

(Il Gazzettino)
Senza Lazzaro e Canelo poco da fare a Forlì. Rubini: “Guardiamo avanti”.
La Virtus, sabato sera a Forlì, è uscita sconfitta 80-66 dai Tigers. Il massimo che potevamo fare. Guardiamo avanti. Nel commento del vice-allenatore Adriano Primon, ripreso su Facebook anche da capitan Crosato, la sintesi della gara. Nella quale la formazione di Daniele Rubini, o meglio una sua versione ridotta (alle assenze, annunciate, degli infortunati Lazzaro e Canelo si sono aggiunte quelle degli under Visentin e Buia, entrambi febbricitanti) e baby (con il coach costretto a mandare sul parquet un 99 Tognon, un 2000 Miaschi e un 2002 Pellicano!), ha sempre inseguito. Dal 2-0 iniziale siglato da Calzavara i neroverdi, ancora sconquassati e poco supportati dalle percentuali al tiro (36% da due e 33% da tre), subivano un pesante parziale da parte dei locali: subito 9-2, poi 16-7. Il vantaggio dei romagnoli, sospinti da De Fabritiis e sotto canestro Sacchettini, raggiungeva ben presto la doppia cifra (arrivando al +17) e tale si sarebbe mantenuto a lungo. Guai, però, a dare per sopito l’orgoglio virtussino. I padovani, seppur con Crosato e Piazza contenuti dalla difesa locale (a 9 e 8 punti, con 8 rimbalzi e 6 assist rispettivamente), sciorinavano un immarcabile Miaschi: 23 punti per il giovane di proprietà Reyer, oggi e domani impegnato a Roma nel raduno della Nazionale Under 20, con 5/9 da tre. La Virtus, che a metà terza frazione perdeva anche Nobile (per una testata con taglio alla palpebra), rimontava fino al -5 in apertura dell’ultima frazione (64-59, 2/2 ai liberi di Crosato) ammutolendo il palasport Villa Romiti e costringendo il coach locale a chiamare time out. Poi, anche le forze scemavano. I ragazzi sono stati stoici commenta il direttore generale e fotografo ufficiale dei neroverdi Nicola Bernardi -. La miglior partita in trasferta della stagione. Commoventi. La Virtus è orgogliosa di questi uomini!.

Giovanni Pellecchia
alt
15 gennaio 2018

Coach Rubini chiede calma e un lungo

(Il Mattino)
La società cerca rinforzi, la prima ipotesi è il veronese Maresca.

«Dobbiamo restare lucidi e non agitarci. Non dobbiamo comportarci come quello che cade in mare, non sapendo nuotare, e dimenandosi rischia di affogare, mentre stando fermo magari rimane a galla». Coach Daniele Rubini utilizza una metafora per fotografare il momento attuale della Virtus Padova. Decimata dagli infortuni di Canelo e Lazzaro e dalle influenze di Buia e Visentin, la squadra neroverde ha tirato fuori il massimo a Forlì da una situazione oggettivamente scalognata (80-66). «Sembrava di essere su “Scherzi a parte”», sorride ironico Rubini. «Dall’inizio del terzo quarto, abbiamo dovuto rinunciare anche a Nobile, che ha rimediato un taglio all’arcata sopraccigliare in uno scontro di gioco sotto canestro con Papa. Dobbiamo solo aspettare e guadare questo fiume di melma. Nonostante tutto, ho visto dei segnali positivi: la squadra è rientrata fino al -5 dimostrando una mentalità vincente contro avversari che manifestavano un certo nervosismo. Abbiamo un gruppo di veterani con personalità, umiltà e determinazione da vendere. Stiamo in piedi grazie a un settore giovanile importante e una struttura, che ci permette di fare ciò che è possibile. Ora, bisogna essere scientifici nella programmazione». La Virtus attende un’addizione dal mercato invernale. Il nome, rimbalzato fuori da Piacenza, corrisponde al lungo veronese Edoardo Maresca (classe 1998, 201 centimetri), prodotto delle giovanili di Cantù. «Come identikit sarebbe il sostituito ideale di Lazzaro», confessa Rubini. «Sì, ci abbiamo fatto un pensiero. Ma Lazzaro e Canelo garantivano almeno 25 punti a partita. Cerchiamo un giocatore che abbia fisicità, ma anche punti nelle mani. Anche se arriverà un rinforzo e recupereremo gli infortunati (Lazzaro a parte, ndr), però, il nostro percorso resta ingarbugliato». Sabato prossimo, ore 21, la Virtus ospita Rimini e poi andrà a Reggio Emilia. «Abbiamo la chance di toglierci dalle forche caudine», chiude Rubini. «Non meritiamo di scivolare nei bassifondi della classifica».

Mattia Rossetto
mattino_logo
15 gennaio 2018