DSC_2295

Under 18 Eccellenza fermata a Brescia

Partenza in salita pwr i ragazzi di coach Seno che nel secondo tempo giocano alla pari con la forte squadra lombarda.

Leonessa Brescia- Antenore Padova   80-62


Parziali: 17-8, 21-14 (38-22), 22-22 (60-44),  20-18 (80-62)

Bk Brescia Leonessa: Dalcò 16, Bertini 2, Veronesi 3, Galic 7, Thioune 19, Giudici 4, Corona 2, Ionescu, Naoni 13, Rodella 3, Furin 8, Djiya 3. All. Di Meglio Ass. Alberti-Faverzani

Antenore Padova: Visone 19, Mazzonetto 7, Pellicano 8, Rigato 6, Baccaglini, Fiore 3, Tognon 2, Pepato 6, Stecca, Trentin 9, Kamewe Sipeuwa 2, Capetta. All. Seno Ass. Pittarello-Gasparri

Dopo la sfortunata trasferta di Trento il calendario ci presenta una nuova sfida lontano da casa: avversario la Leonessa Brescia di coach Di Meglio. L’obiettivo è chiaro, ripartire dai primi venti minuti in casa dell’Aquila ed estenderli all’intera partita. Purtroppo, l’intento rimane tale e da subito ci scontriamo con l’aggressività dei padroni di casa trovando grandi difficoltà offensive.

La partita inizia a ritmi lenti e percentuali basse, i canestri latitano da una parte e dall’altra con errori banali che pesano. Dopo 4 minuti il tabellone segna 4 a 1 per Brescia. Con i canestri di Rigato, Pellicano e Mazzonetto centriamo il sorpasso ed il +3 sul 5 a 8. Rimarrà il nostro massimo vantaggio fina alla fine, Brescia chiude il quarto con un parziale di 12-0 e si porta avanti 17 a 8.

Nel secondo quarto, complice il positivo apporto dalla panca di Trentin, troviamo qualche soluzione offensiva in più ma difensivamente, nonostante il buon lavoro sotto le plance del duo Rigato-Capetta, soffriamo gli esterni di Brescia che guidano l’allungo sul 38-22.

Per battere questa Brescia e provare a recuperare la partita serve un netto cambio di marcia. E la reazione d’orgoglio si vede sin dal primo possesso: palla rubata e appoggio facile al ferro. L’energia difensiva ora è contagiante e i ragazzi in campo aggrediscono Brescia dando l’impressione di poter riaprire la partita. Accorciamo lo svantaggio fino al -8 con un Riccardo Visone che guida letteralmente la squadra costringendo Di Meglio ad un tempestivo time-out. Impensabile che Brescia potesse lasciarsi vincere facilmente e possesso dopo possesso inizia a martellare la palla dentro servendo Thioune (19 punti e 15 rimbalzi a fine partita) che diventa un’autentica spina nel fianco per Padova.

Le energie spese nella terza frazione per provare a rientrare in partita si fanno sentire nel quarto quarto. Brescia allunga e gli ultimi minuti sono ormai indirizzati verso la meritata vittoria dei padroni di casa. A ben guardare le statistiche (che non dicono tutto ma qualcosa vorranno pur significare) Brescia ha dominato fisicamente la partita vincendo a rimbalzo 46 a 28 e nei punti in area 48 a 28. Dove non si arriva con i centimetri e con i chili si arriva con la voglia e con il cuore, oggi li abbiamo visti solo a sprazzi. Se con Trento potevamo dire di aver visto forse la migliore Padova nei primi 15 minuti di gioco, oggi non può bastare la sola reazione della seconda metà di partita per poter essere felici. Ora si torna a lavorare, pronti ad ospitare la Reyer Venezia nell’ottavo turno di Lunedì 18 alle ore 20:00 a Rubano! Forza Virtus!

Commenta tramite il tuo account Facebook