All’Antenore Energia non riesce l’ottava

Padova si arrende ad un ottima Bernareggio trascinata nel primo tempo da un indemoniato Laudoni e nel secondo da un bombardamento di estrema precisione (41% contro 13%) in grado di respinge i continui tentativi di rimonta dei ragazzi di coach Rubini. Oggi Bernareggio ha meritato la vittoria ma il campionato è lungo e Schiavon e compagni già da sabato a Monfalcone vogliono ritrovare la rotta giusta.

Antenore Energia Padova – Vaporart Bernareggio  74-88

Continua a leggere…

Antenore, prenditi un otto in pagella

(Il Gazzettino, 9 novembre) Alla Kioene arriva l’ambizioso Bernareggio: i virtussini, reduci da sette successi consecutivi, sono decisi ad allungare la striscia positiva.   Respingere l’attacco delle dirette inseguitrici. Questo l’obiettivo dell’Antenore Energia Virtus che, imbattuta in vetta insieme alla Rucker Sanve, nelle prossime due giornate di campionato affronta le squadre al secondo posto: Bernareggio domani alla Kioene Arena (ore 18) e Monfalcone sabato prossimo in trasferta.
La formazione di Daniele Rubini, seppure con il regista Andrea Piazza acciaccato, non abbassa la guardia. «Siamo felicissimi di questa partenza, la migliore degli ultimi venti anni sottolineava negli studi di Cafè Sport Giorgio Maso, presidente di Virtus nel cuore – perchè sette vittorie non arrivano per caso. La squadra è stata costruita in maniera molto interessante dal direttore sportivo Rugo, pensandola per crescere ancora rispetto all’anno scorso. Coach Rubini è bravissimo, essendo riuscito a tirare fuori il meglio da questi giocatori: ogni partita c’è sempre qualcuno che si erge a protagonista rispetto ad altri. Credo che il gruppo abbia ancora ampi margini di miglioramento. La forza morale di questi giocatori ci fa molto ben sperare».

A COLPI DI TATUAGGI
In settimana, i lunghi Ivan Morgillo e Corrado Bianconi hanno fatto visita ai centri minibasket mentre la società ha stabilito l’ingresso gratuito per tutti gli under 18. Nelle fila di Bernareggio, che domenica ha battuto in rimonta Vicenza con un break finale di 29-15, quattro giocatori in doppia cifra: oltre al play Todeschini (10,6 punti e 5.1 assist) e la guardia Quartieri, il miglior marcatore (13,1), sono l’ala grande senegalese Modou Diouf e l’all around, sempre molto attivo sui social, Stefano Laudoni: che sfida la sua, a tatuaggi, con Dagnello.

Giovanni Pellecchia