DSC_3348

Virtus, con dolore a caccia del primato

(Il Gazzettino)   Ormai in scia alla capolista affronta domenica l’ultima in classifica Desio ricordando prima dell’inizio della gara con un silenzio la scomparsa di Eugenio Papa

La Padova del basket, in particolare la Virtus, è in lutto. Mercoledì sera intorno alle 18, quando la squadra di Daniele Rubini era già in viaggio verso Scandiano per la gara del turno infrasettimanale di serie B (poi vinta 74-67), si era diffusa infatti la notizia della scomparsa di Eugenio Gegè Papa.

DIRIGENTE STORICO
Lo storico dirigente della società di via Tadi, braccio destro del presidente Gianfranco Bernardi, aveva 72 anni. «Una malattia grave dal decorso rapido nel pomeriggio ci ha portato via il vicepresidente Gegè Papa ha scritto sul sito della società neroverde il direttore generale Nicola Bernardi -. Per la Virtus è una perdita immensa, Gegè per più di 30 anni ha tracciato le politiche della società conducendola a fianco dell’attuale presidente Bernardi e degli altri dirigenti a traguardi invidiabili». «Il suo acume, la diplomazia, la capacità di ascolto e l’umanità che signorilmente esprimeva prosegue nel ricordo -, hanno creato quella famiglia Virtus che in tanti quando entrano a far parte della società sentono propria. Nonostante la notizia della malattia non fosse stata resa pubblica, nei giorni scorsi molti ex hanno fatto visita al suo capezzale, tra questi i capitani Mancini e Crosato oltre a Gigi Sommese, a cui lo legavano profondamente le comuni origini napoletane».

STAGIONE ECCEZIONALE
Tre giocatori simbolo di altrettante epoche della società. Che proprio questa stagione, come aveva sottolineato il capitano Federico Schiavon e grazie anche all’ultimo successo che la issa al secondo posto a due sole lunghezze dalla vetta, sta vivendo il momento più alto degli ultimi venticinque anni. Tutte fasi storiche attraversate attivamente da Eugenio Papa: dalla fusione del 1985 con la più giovane società del Sarmeola a quella di sette anni più tardi con Vicenza che portò alla salita in serie A2; poi, dal 1994 e la fine di quel sodalizio, il ritorno a Padova ripartendo dalla Prima Divisione e fino ai nostri giorni.

CORDOGLIO DIFFUSO
Appena si è diffusa la notizia della sua scomparsa, unanime è stato il cordoglio del basket padovano e le condoglianze espresse a sua moglie Marcella ed alla società. Tra i vari messaggi, quelli della Fip Regionale, con il presidente Roberto Nardi che ha disposto un minuto di raccoglimento su tutti i campi fino al prossimo weekend e provinciale per voce di Flavio Camporese. Saranno certamente in molti a volerlo salutare nel rito di domani alle 9.30 alla Chiesa della Sacra Famiglia.

MAGLIA LISTATA A LUTTO
Domenica alla Kioene Arena, nella sfida di campionato con Desio, l’Antenore Energia Virtus, che con un ottimo inizio d’anno si è portata sulla scia della capolista Cesena, scenderà in campo listata a lutto. Desio è ultima con sole tre vittorie ma nel turno infrasettimanale Vicenza, che è al sesto posto a 4 lunghezze dalla Virtus, ha rischiato grosso sul campo lombardo, vincendo di un punto.

Giovanni Pellecchia

Commenta tramite il tuo account Facebook