L’ambiziosa Virtus ci crede e lancia la sfida ai Tigers

(Il Mattino) Il direttore generale Nicola Bernardi non si nasconde: «Sono molti forti, ma noi siamo in grande forma». Ieri la squadra ha visitato il reparto di Pediatria.
Un piccolo gesto, denso di significato, per iniziare il 2019 con il sorriso. Ieri, l’Antenore Energia Virtus Padova ha visitato la pediatria dell’ospedale di Padova portando in dono una calzetta della Befana ai bambini del reparto. I giocatori della prima squadra di Serie B hanno trascorso qualche momento insieme ai piccoli pazienti costretti a passare le festività in ospedale. «Per noi società e per i nostri ragazzi della prima squadra è stata una grande opportunità di crescita umana», sottolinea Nicola Bernardi, direttore generale della Virtus, «un’occasione per regalare un sorriso a chi è più debole, ma anche per aumentare i valori umani del nostro gruppo. Dobbiamo ringraziare la dottoressa Martini, nostra tifosa e amica, che ci ha offerto questa possibilità».
Non è la prima volta che la società neroverde presta attenzione ai bimbi malati e in generale alle persone affette da qualche patologia. Nel corso della scorsa stagione si era infatti spesa per la causa di Admo, l’associazione dei donatori del midollo osseo, confermando un forte impegno in campo sociale che procede di pari passo con le ambizioni sportive.
Ambizioni che si riflettono anche nell’ormai noto Palabasket. Il progetto per la nuova casa della pallacanestro padovana è in cantiere e a beneficiarne sarà soprattutto la Virtus. «Alla nostra progettualità si è affiancato il lavoro dell’assessore Bonavina e del sindaco Giordani per costruire un nuovo impianto per il basket», osserva Bernardi jr., «una decisione che ci ha ulteriormente responsabilizzato nell’intento di far tornare il basket tra le massime discipline sportive nella nostra città. Abbiamo compiuto passi importanti rinforzando la struttura societaria con l’ingresso di nuovi dirigenti e con la creazione dell’associazione “Virtus nel Cuore” che ha l’obiettivo di accrescere il legame con la città e le sue realtà sociali ed economiche. Siamo felici che l’amministrazione comunale di Padova ci stia dando questo sostegno, senza dimenticare quella di Rubano che si sta dimostrando sempre al nostro fianco».
La parola, o meglio la palla, passa ora ancora al campo: domani, ore 18, a Santarcangelo di Romagna si gioca il big match contro i Tigers Cesena, seconda forza della Serie B. «Chiuderemo l’andata e inizieremo il nuovo anno con una grande sfida», chiosa Bernardi, «Cesena è una squadra costruita con un solo obiettivo: vincere il campionato e andare in Serie A. La formazione di coach Di Lorenzo ha un roster lungo, di grande esperienza e senza punti deboli, ma i nostri ragazzi stanno vivendo un bel momento di forma, disputeranno una grande partita».
Mattia Rossetto