E6B502EA-4430-4A0D-A9E8-C9EDC70B8F98

Sabato ore 19 a Rubano si gioca con Lecco

Coach Rubini: «Contro Lecco serve la reazione». Schiavon: «Il gruppo è unito, usciremo da questo periodo».

RUBANO Sabato si torna nuovamente sul parquet e per l’Antenore Energia Virtus Padova (dopo le due sconfitte contro Reggio Emilia e Desio che ne hanno rallentato la marcia) l’appuntamento questa volta è alle ore 19 nella tana di Rubano contro Gimar Lecco: «Non è certamente il nostro miglior momento – analizza coach Rubini – abbiamo buttato via due partite di fila sia per episodi sfavorevoli che per ingenuità nostre. C’è molto lavoro da fare per superare un momento in cui le cose sembrano non girare, dobbiamo essere più cinici nel punire gli errori degli avversari e reagire maggiormente alle difficoltà. Dobbiamo sgomberare la mente e scrollarci di dosso le ansie che ci siamo creati, sappiamo di non avere buone percentuali al tiro ma se ci fossilizziamo sul pallone che non entra ci scaviamo la fossa da soli. Sappiamo che questo campionato non ammette passaggi a vuoto, però vedo una squadra che sta lavorando con attenzione e sono convinto che sabato avremo una reazione importante. Qualcosa verrà cambiato, daremo maggiore spazio ai giovani per accorciare il minutaggio in campo dei giocatore e avere la forza fisica per giocare fino all’ultimo le partite. Gli avversari? Lecco è stata sì sconfitta in settimana contro Cesena, ma è rimasta in partita per lungo tempo con grande merito e sarà un avversario difficile. Come noi anche loro sono discontinui alternando momenti di gioco in cui mostrano potenzialità importanti con altri momenti di passaggio a vuoto. Si tratta però di una squadra in crescita con un trend positivo nelle ultime partite. Nel loro lungo Brunetti hanno sicuramente un punto di forza, un giocatore di due metri e cinque che sa tirare da tre punti, ma è tutto il roster ad essere assemblato con giocatori veramente importanti. Noi non dobbiamo ripetere l’errore commesso contro Reggio Emilia di pensare che esistano partite facili, dopo due passaggi a vuoto spero che i nervi ci aiutino come valore aggiunto per vincerla».

A fargli eco c’è Federico Schiavon, bandiera storica di Virtus e da quest’anno nuovo capitano: «Sabato non abbiamo più scuse e dobbiamo riscattare le due sconfitte che abbiamo subito, giocheremo mettendoci il massimo impegno e la massima concentrazione perché sappiamo di essere una squadra con valori importanti ed è ora di dimostrarlo anche sul campo. Lecco sarà una squadra tosta ma qui ad accoglierla ci sarà un clima infuocato e speriamo che in tanti vengano a riempire il palazzetto di Rubano. Al di là dei nomi loro che sono importanti, noi dobbiamo pensare a noi stessi e a fare la nostra partita sia in attacco che in difesa. Il ruolo di capitano? Sento sicuramente la responsabilità, ma sono contento perché abbiamo davvero un gruppo unito e questo è importante per superare le sconfitte. Poi è fondamentale il lavoro in palestra durante la settimana, perché attraverso l’allenamento si riesce poi a svoltare durante le partite e riprendere la marcia che avevamo prima. Oltre a me che sono capitano c’è un zoccolo duro di giocatori esperti e tutti uniti insieme sono sicuro che usciremo da questo periodo poco felice».

Commenta tramite il tuo account Facebook