IMG_2936

La Virtus ad un altro bivio «Voglia matta di rifarci»

(Il Mattino)
Nella “tana” di Rubano i neroverdi sfidano il Lugo dopo tre ko
consecutivi (ore 18). La classifica dei padovani resta corta, tra playoff e salvezza.
La Virtus Padova è giunta a un altro bivio del suo tribolato campionato. Stasera, ore 18, a Rubano, i neroverdi incrociano gli Aviators Lugo, avversaria attardata di due sole lunghezze in graduatoria. È uno scontro diretto – in ottica salvezza o playoff, visto che la classifica resta cortissima dal settimo posto in giù – Ma è soprattutto una partita da non sbagliare. Siamo a metà del girone di ritorno della Serie B, entrambe le squadre hanno bisogno di imboccare il sentiero giusto dopo una serie di ko scottanti. Dire chi sta meglio tra le due “malate” è difficile, anche perché mercoledì nel turno infrasettimanale sia Virtus che Lugo sono uscite sconfitte dignitosamente l’una da Vicenza e l’altra da Lecco.
Le analogie sono simili anche in termini di assenze pesanti. Mancheranno da ambo le parti i due migliori giocatori: tra i virtussini, il “lungodegente” JC Canelo, che in settimana ha ripreso a corricchiare; mentre i romagnoli sono privi ormai da qualche settimana del play Matteo Seravalli (14.6 punti di media), miglior assistman del torneo (5.8), out fino al termine della stagione per una lesione al tendine d’Achille. Ma che aria tira in casa neroverde? «Abbiamo tirato una riga, dopo che con Crema e la stessa Vicenza non avevamo lasciato nulla d’intentato», suona la carica capitan Enrico “Croce” Crosato, «Siamo fiduciosi, non ci siamo certo lasciati andare».
Brucia ancora il ricordo dell’andata in terra romagnola, quando i padovani vennero battuti dopo una sfida accesa e combattuta (88-82). «Quel risultato grida vendetta», ammette Crosato, «Lugo è una formazione giovane, che non offre tanti punti di riferimento. Fa dell’intensità e della velocità le sue armi migliori. Non dovremo sottovalutare alcun giocatore romagnolo. Mi aspetto che i nostri avversari pressino ancora il nostro play Piazza per mandarlo fuori ritmo, come avvenuto all’andata. Speriamo che il fattore campo a Rubano possa aiutarci. Abbiamo una voglia matta di rifarci e reagire dopo gli ultimi tre stop consecutivi».
Mattia Rossetto
mattino_logo
11 febbraio 2018
Commenta tramite il tuo account Facebook