26-Nobile_01 (800x536)

Serie B – Week #16

Mentre aspettiamo con ansia notizie dall’infermeria sulle condizioni di Marcone Lazzaro, Claudio Nobile e JC diamo il consueto sguardo a quanto successo nella prima giornata del girone di ritorno.

Al giro di boa del campionato arriva la sorpresa Bernareggio che vince contro Crema. I brianzoli sono capaci di regalarsi una vittoria che se prima della palla a due era difficile da pronosticare sembrava impossibile  dopo il -20 del primo quarto.

Tra le mura amiche Lugo ha la meglio su Olginate grazie ad un break nel terzo quarto ed ad un progressivo incremento del vantaggio fino al +20 finale.

Nel terzo anticipo del sabato Forlì riesce a strappare nel finale la vittoria in casa di Iseo Costa Volpino. Esattamente come contro la Virtus la partita si decide dopo un tempo supplementare ma questa volta la squadra di casa non riesce a ripetere l’exploit (sigh).

Partita decisa dai supplementari anche al PalaGoldoni. Vicenza batte una sfortunata Reggio Emilia dopo ben due supplementari. Reggio Emilia in vantaggio fino a 10’’ dalla fine dei tempi regolamentari quando una tripla di Svoboda regala il pari per i biancorossi. Reggio si fa raggiungere sia alla fine del primo overtime  che  nel secondo quando a sul +4 ad un minuto dalla fine si fa definitivamente sorpassare dai vicentini. Partita con 69 falli fischiati e squadre costrette a svuotare la panchina e a utilizzare tutti i giocatori per garantire un quintetto sul rettangolo di gioco

Vittorie decise nel finale  per le corazzate Lecco e Piacenza rispettivamente contro Rimini e Desio: ennesima dimostrazione di quanto duro sia il girone B.

Infine la capolista Cento  che vince ma si complica la vita nel finale facendosi rimontare 15 punti nell’ultima frazione da Faenza . Per Cento incredibile prova offensiva di Vico che mette a referto 36 punti!

La situazione in classifica

In una recente intervista il coach di Crema Salieri ha fissato a 32 punti la quota per entrare ai playoff  (chi vi scrive pensa ne bastino 28 per i playoff e 24 per la salvezza senza playout)  ma il campionato è assai equilibrato.  Solo 6 punti dividono il sesto posto dal quartultimo: 8 squadre dovranno duellare per decidere chi entrerà  nel tabellone per la A2 e chi dovrà affrontare i temuti playout. Palermo, Reggio Emilia e Iseo sembrano invece destinate a lottare per evitare la retrocessione diretta.

LK

Commenta tramite il tuo account Facebook