La Virtus prima illude e poi si fa sorprendere

(Il Gazzettino)
Virtus, che granchio! La formazione di Daniele Rubini, al termine di una settimana difficile a livello di allenamenti (con Canelo e Lazzaro, entrambi infortunati alla caviglia, aggregatisi ai compagni solo per l’ultima seduta di venerdì; Miaschi impegnato anche con la Reyer e i giovani Under 18-20 nei loro campionati), tanto che lo stesso coach si era lamentato apertamente alla vigilia, ieri sera è uscita sconfitta dallo storico palasport Flaminio di Rimini. Una sconfitta, però, che ha davvero il sapore amaro della beffa, maturata nel finale, infatti, proprio quando capitan Crosato e compagni sembravano aver fatto loro l’incontro.
I Crabs Rimini, una volenterosa squadra di ragazzini o poco più, sorprendevano in avvio la Virtus: 7-2 in un amen (l’unico centro padovano di Canelo). E, anche se il gap veniva colmato altrettanto presto e la Virtus anzi riusciva ad impattare sul 15 pari, hanno fatto l’andatura nella prima frazione. I neroverdi, che erano rimasti aggrappati grazie al loro uomo di maggiore esperienza (il centro Nobile), nella successiva dopo essere stati anche sul -5 riuscivano però a raddrizzare l’andamento passando a condurre al 17′ sul 29-28 con una tripla di Schiavon. Questa, anzi, apriva un parziale di 9-0 che li portava sul +7. E ancora con uno scarto minimo, ma dopo una continua altalena di emozioni (testimoniata dall’andamento del risultato), i neroverdi andavano all’intervallo.
Dagli spogliatoi, la Virtus ben orchestrata da Piazza (14 punti, 9 rimbalzi e 5 assist alla fine per il play di Pordenone) usciva decisamente più determinata toccando subito il +6 (canestro di Nobile proprio sull’asse play-pivot), ribadito anche tre minuti più tardi (sul 47-41, canestro di Canelo sempre su assist di Piazza). Ma, come detto, era nell’ultimo quarto che la formazione di Rubini sembrava poter chiudere ogni discorso, quando tra i locali il veterano prendeva fallo tecnico: infatti, la Virtus segnava il tiro libero con Miaschi e andava a canestro con Lazzaro per il +8. Il massimo vantaggio, però, si toccava al 35′ addirittura sul +9 (prima sul 64 a 55 con 1/2 in lunetta di Lazzaro, poi sul 66 a 57 con un canestro di Piazza da fuori). Finita dunque? Nemmeno per sogno. I Crabs Rimini, ergendo un muro difensivo che la Virtus cercava invano di scalfire solo da fuori, riaprivano subito i giochi grazie a un ispirato Joel Myers figlio del grande Carlton (buon sangue, non mente!): bravo a procurarsi prima e trasformare poi dalla lunetta i tiri che regalavano il 66-66 giusto al 39′.
Nell’ultimo minuto, invece, il sorpasso sempre dalla linea della carità lo siglava Foiera (1/2); poi Busetto perfezionava il +3 finale (2/2) che non veniva impattato neanche dal disperato tentativo di Piazza.
Giovanni Pellecchia
alt
16 ottobre 2017

Virtus, suicidio in 5′ a Rimini il primo ko

(Il Mattino)
Il suicidio perfetto si consuma in 4 minuti e 51 secondi. Da quando Piazza segna il canestro del +9 (57-66) ai tiri liberi finali di Foiera, che sigilla un parziale di 14-0 a favore di Rimini, ribalta il risultato e strappa dalle mani della Virtus la terza vittoria consecutiva, oltre al primato in classifica. È un black out inspiegabile e doloroso, quello dei neroverdi di Rubini, che avevano condotto il match da metà del primo quarto, piazzando almeno tre importanti tentativi di allungo, volando a +7 nel secondo quarto, a +6 nel terzo e a + 9 nell’ultimo periodo, salvo poi subire sempre il ritorno dei romagnoli, un po’ per stanchezza – la panchina è corta, si sa – e un po’ per incapacità di gestire il ritmo partita. Appena cala di intensità, soprattutto in difesa, la Virtus è una squadra normale e battibile.
C’è Canelo fin dall’inizio, anche se non ancora al cento per cento. La Virtus ha le polveri bagnate, Rimini no e con Signorini vola sul 7-2. Crosato (da tre) e Nobile ricuciono e un’altra bomba, stavolta di Canelo, rimette i neroverdi in scia (11-10 al 5′). I ragazzi di Rubini tirano tanto da fuori, ma poi trovano nel pitturato i punti di Nobile per il 15-15. Rimini ha entusiasmo, Piazza ha esperienza: mette i punti del 20-17 in avvio di secondo periodo e comincia a collezionare assist (saranno 5) e soprattutto rimbalzi (9 alla fine, più dei lunghi). Una schiacciata e un altro canestro di Toniato portano i romagnoli sul + 5 (26-21), ma qui entra in scena Schiavon che mette la tripla del pari e poi quella del primo sorpasso (28-29). Piazza e Lazzaro allungano, la Virtus è in un buon momento, Calzavara si alza dalla panchina e porta in dote la tripla del +7 (28-35). Illusoria perché Tartaglia e Foiera recuperano subito, Rimini con un 9-0 torna avanti e ci vogliono 4 punti di Nobile e Canelo per riportare la Virtus avanti all’intervallo (37-39).
Il secondo strappo neroverde arriva in avvio di terzo periodo: Piazza e Nobile firmano il +6 (37-43), Busetto accorcia ma Rimini comincia ad avere problemi con i falli, mentre la Virtus si gestisce e solo Canelo arriva a tre, a metà periodo. Ma prima fa in tempo a regalare il canestro di un altro +6 (41-47). Si segna poco, Rimini sbaglia moltissimi liberi ma trova nelle mani di Busetto la bomba del -2 (47-49) e resta in partita, anche quando Lazzaro ha la mano calda. Il periodo si chiude sul 52-55 e con l’impressione che la Virtus troverà l’affondo giusto. E l’inizio dell’ultimo periodo sembra il momento propizio. Buia e Schiavon tengono il +5, Rimini prende un tecnico, poi ne prende uno Foiera e Lazzaro sigla il +8 (55-63) dopo 3’33”. Rimini continua a sparacchiare e ha già 5 falli di squadra, Lazzaro fa il +9 (55-64) e Rubini capisce che è il momento di chiuderla: rimette in campo Canelo e con Piazza resta a +9 (57-66) a metà tempo. Sembra fatta e invece è una Caporetto. Crosato e compagni staccano il piede dall’acceleratore mentre Tartaglia, Myers e soprattutto Foiera, con esperienza, recuperano punto per punto. Il palazzetto si infiamma, la Virtus non ci capisce più niente, perde palloni banali, non cerca il fallo avversario, non trova più il tiro dalla distanza e inevitabilmente, nell’ultimo giro di lancette, arriva il sorpasso.

De Nicolao: «Non siamo bravi a gestire»
«Ci siamo illusi di averla chiusa e non abbiamo più segnato. Sono stati cinque minuti difficili e il risultato ci condanna». C’è amarezza nel dopo partita della Virtus. Rubini è furioso negli spogliatoi, il suo vice Riccardo De Nicolao cerca una spiegazione al black out che ha condannato i neroverdi alla prima sconfitta del campionato.
«Fa male perché, anche senza avere grandi vantaggi più volte abbiamo dato l’impressione di poterci staccare», dice De Nicolao. «Ma abbiamo spesso vanificato le cose buone con altre cose molto meno buone, penso soprattutto alle palle perse banalmente, anche in situazioni elementari come le rimesse». Il quarto periodo sarà materia di dibattito nei prossimi giorni, tra Rubini e i giocatori. «Dopo tre minuti eravamo già in bonus», prosegue De Nicolao, «e a metà periodo avevamo il massimo vantaggio. Ma noi non abbiamo le qualità per gestire il risultato, non possiamo fare calcoli. Appena abbiamo rallentato, loro hanno ritrovato entusiasmo e hanno capito di poterci riprendere. Noi non siamo più riusciti a segnare e loro si sono esaltati, facendo le cose giuste soprattutto con Foiera. Per noi tutte le cose più semplici sono diventate difficilissime, come succede quando si va in confusione. La lezione da imparare? Mai mollare, mai pensare di poter avere un pezzo di partita facile. Appena rallentiamo, chiunque ci può surclassare, dobbiamo tenerlo presente». Battuta finale per Canelo, che ha ancora qualche acciacco: «C’era, ha fatto bene, sta recuperando, ma non è ancora al top perché ha qualche dolorino», dice De Nicolao. «Contiamo di averlo presto al massimo».
Cristiano Cadoni
mattino_logo
16 ottobre 2017