Broetto, a Faenza conta

A/1 donne, quarto posto da difendere in Sicilia, debutta la croata Ivezic
B maschile, scontro playoff in Romagna.

C Gold: Guerriero, derby veneto con Caorle

Il Fila San Martino incrocia il proprio cammino ancora con la corazzata Ragusa. Sono passate appena tre settimane dal fatale quarto di finale della Coppa Italia di A/1 femminile, che costò carissimo alla squadra di Larry Abignente, che oltre all’eliminazione in quell’occasione perse anche Megan Mahoney per un grave infortunio al ginocchio. Stasera, ore 18, al PalaMinardi di Ragusa si rinnova l’appuntamento per la terza volta in stagione (la quinta, se si considerano anche le amichevoli pre-campionato). Tra le Lupe dovrebbe esordire il neo acquisto, sostituta designata di Mahoney (operata giovedì al policlinico di Abano Terme), l’ala-guardia croata Jelena Ivezic, ex della sfida, che ha iniziato la sua carriera italiana proprio a Ragusa nel 2014-2015. Come a Napoli due turni fa, il Fila è chiamato a salvaguardare il quarto posto, ora occupato in coabitazione con la stessa formazione campana, dopo che le siciliane in settimana hanno vinto il recupero della quattordicesima giornata d’andata con Venezia (80-72), limando il distacco in classifica dalle giallonere a soli due punti. All’andata, le Lupe riuscirono a imporsi per la prima volta in assoluto (67-61) contro Ragusa, che ultimamente sembra però aver cambiato passo grazie all’innesto della forte lunga americana Larkins, che debuttò proprio nella coppa nazionale a San Martino di Lupari. I colori sociali sono gli stessi, le ambizioni playoff anche.
In Serie B uomini, lo scontro tutto neroverde di stasera, ore 18, a Faenza tra i padroni di casa, spinti da un pacchetto di esterni pericoloso (Iattoni, Perin, Casadei), e la Broetto Virtus, avrà un peso specifico rilevante nella corsa per gli spareggi per la A/2. In caso di vittoria, i ragazzi di Massimo Friso aggancerebbero in graduatoria proprio i faentini, scavalcandoli in virtù del successo conquistato all’andata (77-56). Nonostante sia un campo difficile, la Virtus ha la possibilità di cavalcare l’onda positiva dell’entusiasmante affermazione contro Cento, aprendo con il sorriso un trittico di gare importanti, che la vedranno impegnata nei due derby veneti, in programma sabato prossimo a San Vendemiano e domenica 19 febbraio alla Kioene Arena con Vicenza.
Intanto, domani, ore 19.15, alla presenza della stampa, al White Pony Pub & Beershop di via Vittorio Emanuele II a Padova verrà sottoscritto l’accordo tra il club di via dei Tadi e le società aderenti al progetto “Tutti per Padova, Padova per Tutti”.
Dopo la scoppola nel derby casalingo con Mestre, sempre oggi, ore 18, il Guerriero va alla ricerca di un pronto riscatto con Caorle, un’altra delle potenze della Serie C Gold, accreditata al salto di categoria, che può schierare peraltro l’accoppiata serbo-slovena composta dal top scorer del campionato Markovic e dal gigante Cresnar. A causa dell’indisponibilità del PalaMare di Caorle si giocherà ad Annone Veneto, dove la compagine veneziana ha fermato proprio due settimane or sono la vicecapolista Jesolo.
Mattia Rossetto
mattino_logo
5 febbraio 2017